news

Home News Global Education
lalleanza-tra-scuola-e-territorio
Global Education
Italia
Ott 2022

L’alleanza tra scuola e territorio

Oltre 2 mila studentesse e studenti coinvolti in 13 comuni scaligeri. Circa 1.700 genitori raggiunti e 300 docenti resi protagonisti e partecipi in un progetto che mette al centro la cooperativa scolastica come incontro e lavoro di squadra tra scuole, famiglie, amministrazioni e realtà del territorio.


Il progetto
Bell’Impresa! è a metà dell’opera. Selezionato dall’impresa sociale “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, e realizzato con capofila la Cooperativa Hermete in collaborazione con l’Ong Progettomondo, Università di Verona, l’associazione Le Fate, Fondazione Edulife, Irecoop Veneto, Valpolicella Benaco Banca e il servizio educativo territoriale del distretto 4 dell’ Ulss9, proseguirà fino a febbraio del 2024, ma i primi due anni di attività sono stati raccontati ieri al polo universitario Santa Marta per fare un primo bilancio.

Il nostro obiettivo è sviluppare l’imprenditività, insegnare a bambine e ragazzi come trasformare le idee in azioni, unendo la formazione scolastica all’esperienza reale”, dice Simone Perina, presidente di Hermete. “L’imprenditività sostenibile nelle giovani generazioni rappresenta uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Non si tratta di fare impresa ma di dare sfogo alle singole creatività e abilità, per agire concretamente, uscendo dalle mura scolastiche e creando alleanze con biblioteche, associazioni sportive e persino aziende profit sensibili al bene della comunità”.

Corresponsabilità e coprogettazione sono le parole chiave del progetto, come evidenzia la coordinatrice del progetto, Michela Cona. “Cooperativa significa uguaglianza, democrazia. Si tiene conto delle idee di tutti, ma al contempo si valorizzano le singole competenze mettendole a favore del gruppo. Ciascuna cooperativa è diversa, unica, in attinenza alle necessità e risorse del territorio in cui si colloca. Qualcuna ha sviluppato una collaborazione con la biblioteca comunale, altre si sono messe in rete con l’associazione locale durante le sagre. C’è chi ha voluto abbellire rotatorie e il giardino di una villa, e chi ha scelto di creare una rappresentazione all’aperto in un luogo disastrato, per lanciare il messaggio forte che sono le persone a cambiare i luoghi”.

Si parla molto di comunità educanti e a Verona ci sono tutti gli ingredienti per procedere al meglio su questo fronte”, assicura il sociologo Flaviano Zandonai. “Esistono scuole, terzo settore, fondazioni interessate a sostenere i sempre più progetti che coinvolgono non solo gruppi educativi, come le scuole, ma anche gruppi informali e persino singoli giovani. Andiamo verso la concezione di una scuola sempre più aperta al territorio, alle famiglie, alle associazioni, per allenare le nuove generazioni a competenze che non sono solo conoscenze, ma capacità di relazioni”.

La prima creazione di comunità è il coinvolgimento dei genitori, sfidandoli a essere partner di un progetto educativo che genera la vita dei nostri ragazzi”, dichiara il sindaco di Verona, Damiano Tommasi. “Anche in una scuola pubblica con le su regole e le sue competenze, bisogna trovare il modo di collimare con l’impresa che c’è in ciascuno. Il programma da rispettare non può essere un limite alla creatività né tantomeno portare a un giudizio su bambini e bambine. Piuttosto bisogna giocare sulla passione di chi si mette in gioco per fare emergere protagonismo e competenze relazionali”.

“Le cooperative scolastiche sono imprese simulate in cui ragazze ragazzi sono protagonisti dell’intero percorso e sperimentano la cooperazione, il fare insieme per ottenere un cambiamento in positivo”, fa notare Stefano Pratesi di Progettomondo. “Promulgano il loro statuto, eleggono i propri organi e prendono decisioni per migliorare la propria comunità e stare bene a scuola”.

Un esempio concreto arriva dal racconto della giovane Chiara Mazzurana, studentessa delle scuole medie di Peri, nel comune di Dolcè. Chiara ha scoperto Bell’Impresa! l’anno scorso, e proseguirà le attività quest’anno insieme a una trentina di compagni e amici. “L’esperienza è estremamente significativa. Abbiamo creato oggetti in legno da vendere nei mercatini del territorio dove ci siamo sentiti apprezzati. Gli introiti sono sul conto del progetto e pensiamo di spenderli per una festa di fine anno visto che, a causa del Covid, siamo costretti a rinunciare a questo importante momento di convivialità”.

Oltre a Peri, istituti e comuni coinvolti sono quelli di Vigasio, Bussolengo, San Pietro In Cariano, Fumane, Garda, Peschiera del Garda, Sona, Sant’Ambrogio di Valpolicella, Pescantina, Marano di Valpolicella, Sant’Anna d’Alfaedo, Dolcè e Brentino-Belluno.

In tutto studenti e studentesse raggiunti dal progetto sono 2.035, di cui 1.061 delle scuole primarie e 974 delle medie. Sono stati realizzati 44 eventi locali in cui le 16 cooperative scolastiche si sono aperte al territorio e alla comunità, entrando in relazione con altre cooperative, istituzioni e associazioni locali, e durante l’estate si sono svolti 4 campi esperienziali.

NOTIZIE CORRELATE

News
Honduras
Apr 2024

In Honduras per “prendersi cura del sangue della terra”

“Abbiamo subito persecuzioni, soprusi, intimidazioni da parte di latifondisti collusi con...
Global Education
Italia
Apr 2024

“Non bisogna dipendere dal giudizio altrui”. Parola di Mazzenga, l’ex prof campionessa novantenne

“Per me lo sport è una grande passione ed è stato...
News
Haiti
Mar 2024

Haiti, simbolo della crisi geopolitica mondiale

Haiti è il Paese più povero dell’America Latina, il 60% della...