news

una-struttura-mobile-per-i-giovani-terremotati-in-marocco
News
Marocco
Dic 2023

Una struttura mobile per i giovani terremotati in Marocco

Progettomondo da sempre si batte per garantire un accesso equo all’istruzione, ed è stato questo il primo obiettivo che si è posto per la ripresa del Marocco dopo il terremoto dell’8 settembre scorso.
Il liceo di Demnate è situato nel cuore del Marocco, nella regione Béni-Mellal Khénifra, ad Azilal, fortemente colpita dal sisma.
A seguito delle scosse, una parte significativa della scuola necessita di essere demolita e ricostruita da capo, e al momento la struttura è quindi inagibile.

Il liceo è frequentato da quasi 2.600 studenti e conta 97 insegnanti. Grazie alla collaborazione con il preside del plesso, Mohammed Aballagh, è stato valutato cruciale riprendere quanto prima le lezioni, per questo sono stati installati dei moduli d’aule prefabbricati.

Ulteriori necessità prioritarie prevedono, oltre all’acquisto di altri moduli prefabbricati, anche la riparazione degli scaldabagni solari, l’acquisto di attrezzature didattiche e la creazione di spazi confortevoli con mobili da ufficio.
Grazie a questa iniziativa – sostenuta dalle numerose donazioni arrivate grazie alla raccolta fondi avviata all’indomani del sisma – è stato possibile rafforzare e solidificare il rapporto con la comunità locale, le istituzioni, in modo particolare con il rappresentante del Ministero dell’Interno del distretto di Demnate.
Progettomondo rinnova il suo impegno nel garantire il diritto all’educazione all’interno del Liceo di Demnate perché studenti e studentesse proseguano il loro percorso formativo, nonostante la devastazione che ha colpito il territorio in cui vivono.

NOTIZIE CORRELATE

News
Palestina
Mar 2024

Delegazione italiana al valico di Rafah

Dal 3 al 6 marzo una delegazione di operatori e operatrici...
News
Feb 2024

Per un Burkina più sicuro e pacifico

Prosegue l’impegno di Progettomondo per incoraggiare il dialogo comunitario interreligioso e...
Global Education
Italia
Feb 2024

Contro l’hate speech per una società più accogliente e aperta

La frequenza con cui i giovani intercettano discorsi d’odio online continua...