news

visori-aumentati-per-i-futuri-allevatori-in-marocco
News
Marocco
Feb 2023

Visori “aumentati” per i futuri allevatori in Marocco

La realtà virtuale contribuisce alla formazione su come divenire abili allevatori di bestiame.
I tecnologici visori sono stati indossati di recente da alcuni migranti di ritorno che si si sono recati a Khénifra, in Marocco, per l’evento promosso da Progettomondo al fine di supportarli nell’avvio di un’attività generatrice di reddito in campo agricolo.
Ciò a permesso ai partecipanti di sperimentare un metodo di apprendimento di maggiore impatto e di vedere davanti ai loro occhi ciò che il formatore aveva precedentemente spiegato loro in maniera teorica.
La formazione rientra nel progetto AMAL che prevede l’accompagnamento dei migranti di ritorno dalla Germania (e da altri Paesi europei) e la protezione e inclusione di persone in situazioni vulnerabili.
Il programma è finanziato dall’Agenzia di cooperazione tedesca – GIZ, e in questo ambito Progettomondo ha organizzato la sessione di formazione su Tecniche e pratiche per l’allevamento di bestiame, ovini e bovini.
In continuità con il lavoro di supporto per la creazione d’impresa, che caratterizza la seconda fase del progetto, l’attività è stata pensata per aumentare conoscenze e competenze dei migranti di ritorno in ambito agricolo, con lo scopo di facilitare la risoluzione delle sfide affrontate dagli allevatori, come quelle di riconoscere le diverse razze di ovini e bovini, quali scegliere in base al mercato di destinazione, quale tipo di cure e vaccini garantire al bestiame, come riconoscere alcune malattie e quindi affrontarle in maniera adeguata.

Qui il video sulla formazione durante l’evento:

NOTIZIE CORRELATE

Sviluppo sostenibile
Honduras
Giu 2024

Cielo in fumo in Honduras, una questione globale

Lunedì 20 maggio Tegucigalpa si è svegliata nel fumo. Il cielo...
News
Italia
Giu 2024

La sfida tra giovani per scuole più sostenibili

Una sfida all’ultima idea per rendere la propria scuola un luogo...
News
Italia
Mag 2024

Odiare non è … un’arte

“Odiare non è uno sport“, e nemmeno un’arte. Lo chiarisce bene...