news

il-no-della-chiesa-allassalto-a-brasilia
News
Brasile
Gen 2023

Il no della Chiesa all’assalto a Brasilia

In Brasile, i seguaci dello sconfitto Bolsonaro non accettano l’esito delle elezioni, e non riconoscono la legittimità di Lula.
L’assalto ai palazzi di potere in Brasilia ha generato un’immediata reazione da parte della Chiesa.
La commissione giustizia e pace della Conferenza Episcopale Brasiliana ha infatti inviato una nota in cui ripudia gli atti antidemocratici e la depredazione di edifici pubblici dei tre poteri della Repubblica.

In un momento in cui la stragrande maggioranza della società brasiliana cominciava infatti a respirare aria nuova e a rassicurarsi con la costituzione di un nuovo governo, che ha posto fine al processo elettorale più violento degli ultimi decenni, la Piazza dei tre Poteri, simbolo della Repubblica e della democrazia brasiliana, è stata invasa e i suoi edifici sono stati depredati da una moltitudine di vandali e terroristi.  Si tratta di sostenitori dell’ex presidente Bolsonaro, che nel periodo post-elettorale sono stati da lui incoraggiati a non accettare il risultato democratico delle urne. Vogliono un colpo di stato e, quindi, si legge nella nota: “commettono un crimine contro la Costituzione brasiliana”.

“Le minacce di questi terroristi erano già note e i loro movimenti nella città di Brasilia, sabato 7 gennaio, preannunciavano gli eventi a cui abbiamo assistito nella tragica domenica”, scrive la Commissione Giustizia. “Il governatore del Distretto Federale, il segretario della Pubblica Sicurezza e il comando delle forze di sicurezza del DF, devono essere ritenuti responsabili di questi attacchi alla democrazia e al governo brasiliano. Per il contenimento della violenza e il ripristino della pace e dell’ordine è necessario un immediato intervento federale del governo e del comando delle forze di sicurezza del Distretto Federale.
Non possiamo più convivere con l’odio e la violenza propagati dall’ex governo federale e da una minoranza di seguaci dell’ex presidente che, con spirito autoritario, cercano di imporre la loro volontà con la forza.
In difesa della giustizia e della pace nella società brasiliana, chiediamo a tutte le organizzazioni della società civile, alle chiese e alle altre espressioni di fede di prendere posizione in difesa della democrazia. Chiediamo anche solidarietà e ripudio internazionale, con accesi appelli al rispetto dell’ordine democratico.
Che le responsabilità di questi atti violenti siano determinate e i loro autori puniti a norma di legge”.

NOTIZIE CORRELATE

News
Honduras
Apr 2024

In Honduras per “prendersi cura del sangue della terra”

“Abbiamo subito persecuzioni, soprusi, intimidazioni da parte di latifondisti collusi con...
News
Haiti
Mar 2024

Haiti, simbolo della crisi geopolitica mondiale

Haiti è il Paese più povero dell’America Latina, il 60% della...
News
Italia
Mar 2024

Il 6 aprile la mobilitazione contro l’hate speech nello sport

In occasione della Giornata Internazionale dello Sport per lo sviluppo e...