news

i-pregiudizi-sono-la-grande-disabilita
News
Bolivia
Ott 2022

I pregiudizi sono la grande disabilità

In Bolivia la disabilità è un tema molto discusso, ma raramente raccontato e affrontato. Il 10 ottobre scorso la Regione di Cochabamba ha realizzato una giornata con attività di riflessione e sensibilizzazione in occasione della Giornata Nazionale delle Persone con Disabilità.
Per l’occasione ragazze e ragazzi di scuole e istituzioni hanno portato in scena le loro vite, in forme artistiche e teatrali, rompendo schemi e creando un grande impatto nel pubblico. Le autorità regionali e le associazioni di persone con disabilità hanno manifestato concetti fondamentali sull’importanza dei diritti a salute, educazione, economia per rafforzare l’autonomia e l’inclusione nella società. Ogni parola ha generato considerazioni positive sulle capacità e abilità di ogni singola persona, sbarrando la strada agli stereotipi e alla discriminazione.
Con l’occasione è stato presentato il progetto “INCREDIBILI INClusione e REsilienza delle persone con disabilità” iniziato ad agosto e che coinvolge direttamente Progettomondo nell’intento di promuovere il diritto al lavoro, garantendo una vita dignitosa e indipendente e migliorando l’accesso ai processi di apprendimento delle competenze e opportunità di sostentamento per i disabili e le loro famiglie nei municipi di Cercado, Entre Ríos, Sacaba, Punata e Tacopaya. Il progetto, con una durata di 3 anni, è finanziato dalla Agenzia Italiana di Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e realizzato dalla Fondazione Don Carlo Gnocchi con Progettomondo, Escuela de Integración – Formación Deportiva – Expresión Artística y Desarrollo Laboral (EIFODEC), Tukuy Pacha – Discapacidad Bolivia, SOLidarietá e COoperazione (SOLCO) y Fundación Justicia Social.
L’obiettivo è osservare la disabilità da diversi ambiti di sviluppo comunitario, considerando l’uguaglianza delle opportunità, la riduzione della povertà e l’inclusione sociale delle persone con disabilità.

Il piano di lavoro è articolato in 3 aree di intervento: la prima componente identifica un accompagnamento al processo di riabilitazione e terapia occupazionale per il rafforzamento di competenze fondamentali, basiche e imprenditoriali, che permetteranno a giovani e donne con disabilità di poter essere autonomi, autosufficienti e avere così tutte le capacità per un miglior inserimento nel mondo del lavoro e nella società, anche attraverso la creazione di attività micro-imprenditoriali con 65 famiglie. La seconda area è quella educativa, che coinvolge 3 Centri di Educazione Alternativa per favorire la accessibilità nella tematica di inclusine scolastica di giovani con disabilità garantendo così un titolo tecnico-professionale in diverse aree di competenza. L’ultimo aspetto punta al rafforzamento del concetto di advocacy con la società civile per una maggiore partecipazione politica delle organizzazioni delle persone con disabilità e delle stesse famiglie.
Tutte le attività hanno 2 punti in comune: lo Sviluppo Inclusivo su Base Comunitaria, come strategia multisettoriale pensata per il miglioramento dell’accesso ai servizi che rispondono ai più ampi bisogni delle persone con disabilità, e la prospettiva di genere che vuole promuovere la riduzione dei livelli di discriminazione multiple (essere disabile e essere donna) rivolta a questo gruppo vulnerabile.
Il progetto dà voce a persone che tutti i giorni cercano di dimostrare che, pur con difficoltà e limiti fisici, possono apportare una crescita sociale e per questo, proprio come tutti, meritano una vita dignitosa, nella consapevolezza che i pregiudizi sono la grande disabilità.

NOTIZIE CORRELATE

Sviluppo sostenibile
Honduras
Giu 2024

Cielo in fumo in Honduras, una questione globale

Lunedì 20 maggio Tegucigalpa si è svegliata nel fumo. Il cielo...
News
Italia
Giu 2024

La sfida tra giovani per scuole più sostenibili

Una sfida all’ultima idea per rendere la propria scuola un luogo...
News
Italia
Mag 2024

Odiare non è … un’arte

“Odiare non è uno sport“, e nemmeno un’arte. Lo chiarisce bene...